Kaiserschmarrn viennesi – una vera delizia imperiale

Kaiserschmarrn

A chi era destinato originariamente il Kaiserschmarrn? Quante leggende ci sono sulla formazione dei nomi? Di cosa e come è fatto? Quali sono i contorni tipici?

Questo dessert, che può essere servito anche come piatto principale, ha un‘origine decisamente viennese. Cos’altro direbbero a Vienna? Il semplicissimo piatto preparato con farina, uova, me, zucchero e un po‘ di sale è leggero e digeribile, anche se una porzione di circa 500 calorie viene spalmata sui fianchi.

Come viene prodotto? Come per la pastella dei pancake, mescolate in una ciotola più zucchero, sale e tuorli con il latte per ottenere una pastella bella densa. Separare gli albumi e montarli a neve. Ripiegare l’impasto. Sciogliere il burro in una padella grande e versare la pastella, friggere bene da entrambi i lati. Quindi cuocere nel forno preriscaldato a calore moderato fino a cottura ultimata. La cosa più importante è tagliarlo in pezzi ben digeribili con due forchette. Assicuratevi di metterci sopra lo zucchero. Se si desidera, aggiungere l’uva sultanina. Servire con arrosto di prugne o purea di mele a piacere.

L‘origine del nome è controversa . Quattro storie persistono. Ma quale sia la verità probabilmente non sarà mai chiarito. Le varianti più comuni sono elencate di seguito:

La storia più frequentemente raccontata è che il cuoco personale della coppia imperiale si preoccupava sempre di servire all’imperatrice Sisi, molto attenta alla linea, dolci particolarmente leggeri e soffici. L’imperatrice rifiutava per principio il cibo pesante. Un’opera semplice, sana e, per gli standard odierni, di

L’imperatrice dovrebbe gradire questo piatto „a ridotto contenuto calorico“. Il compito delle menti intraprendenti alle pentole della cucina imperiale non era facile. Ma con pochi e semplici ingredienti è stato possibile creare un piatto che non era mai stato servito prima e che aveva un nome insolito: „Der Kaiserinschmarrn„.

Lo chef personale ha portato l’impasto del pancake strappato e soffice, con albumi montati a neve e pane tostato alle prugne. Poiché l’imperatrice non era impressionata, l’imperatore Francesco Giuseppe I pronunciò le ormai famose parole: „Beh, mi darà di nuovo lo Schmarrn che il nostro Leopoldo ha cucinato „. Si dice che all’imperatore il piatto piacesse così tanto che gli fu subito dato il nome di „Kaiserschmarrn„.

La storia seguente è simile: per il matrimonio di Elisabetta di Baviera e dell’imperatore Francesco Giuseppe I, gli chef elaborarono un „Kaiserinschmarrn“ in onore della giovane imperatrice. Tuttavia, poiché si dice che il piatto fosse più gradito all’imperatore che all’imperatrice, il nome divenne rapidamente „Kaiserschmarrn“.

In un’altra storia, si dice che una caccia imperiale dell’imperatore Francesco Giuseppe I sia terminata in un rifugio alpino. Si dice che il casaro alpino, chiamato anche Kaser (dal nome del produttore di formaggio), abbia servito all’imperatore un Kaserschmarrn. In ogni caso, l’imperatore era talmente entusiasta del piatto che lo apprezzava molto nelle sue battute di caccia. Lo riferisce Joseph Cachée, uno degli ultimi servitori di corte, nel suo libro sulla „Cucina di corte dell’Imperatore“.

La quarta variante suona molto più profonda, dicendo che i molti piatti semplici che dall’italiano vengono chiamati „a la casa“, cioè cucinati alla maniera della casa, in modo piuttosto semplice, a Vienna sono diventati semplicemente „Kaiser“ in modo onomatopeico. Come il Kaisersemmel, il Kaisergulasch, la

 

Kaiserschnitzel, ecc. Un’espressione della modestia e della vicinanza dell’imperatore al popolo e dell’amore del popolo per questo stesso imperatore.

Suggerimento per i viaggi nel tempo:

Proprio dietro l’angolo di Time Travel, in Kohlmarkt, si trova l’ex K.u.K Hofzuckerbäcker Demel, che ha recentemente iniziato a offrire „Kaiser to go“ . In questo modo è possibile gustare la delizia imperiale da portare via. Assolutamente raccomandabile, ha un potenziale di dipendenza! Anche le ciambelle di Demel sono un successo.

 

 

 

 

Condividi questo post

Altri contributi