Lo strudel di mele: una delizia viennese “svestita

Der Apfelstrudel – eine „ausgezogene“ Wiener Köstlichkeit

Da dove viene lo strudel di mele? Di quali ingredienti ha bisogno e come si prepara? Dove si può assistere alla cottura dello strudel di mele a Vienna? Dove posso trovare il miglior strudel di mele di Vienna?

Questa delizia fruttata è originaria dell’Oriente . La storia dello strudel, che è legato al piatto turco “baklava” , è una lettura appassionante. Si pensa che l’Oriente, o più precisamente il mondo arabo, sia la“culla” di questo piatto nelle sue numerose varianti, che da tempo è di casa in molti paesi europei.

A metà del XV secolo gli Ottomani conquistarono Bisanzio (Costantinopoli) e fu in quell’epoca che lo “strudel”, e quindi anche il guscio di pasta ripieno di mele e uva sultanina, sarebbe arrivato in Europa. Come la baklava, era ideale come razione di marcia perché lo strudel si conservava a lungo.

I viennesi , e in particolare i famosi rappresentanti della Casa d’Asburgo , amavano la varietà di dolci, tra cui lo strudel di mele . Sappiamo dai documenti che l ‘imperatrice Maria Teresa , che amava mangiare bene e a volte molto, si concedeva regolarmente questo pasto. Uno dei dolci preferiti dall’imperatore Francesco Giuseppe era il Gugelhupf, che gli veniva spesso servito a colazione da Katharina Schratt durante le sue visite segrete .

A Vienna, la più antica ricetta sopravvissuta risale al 1696 e si trova oggi nella Biblioteca Civica di Vienna. È diventato il piatto nazionale austriaco . Ogni famiglia ha la sua ricetta personale per lo strudel di mele e il sapore è ancora quello della nonna. La ricetta viene tramandata di generazione in generazione e spesso rimane segreta.

Esistono diversi modi per prepararlo. La più comune è la pasta per strudel , ma possono essere utilizzate anche la pasta sfoglia, la pasta di cagliata (quark) e la pasta lievitata (lievito ). La pasta dello strudel viene anche chiamata strudel “tirato “, poiché tradizionalmente viene tirata manualmente in un grande impasto.

Per il ripieno è importante utilizzare mele aspre (strudler) . Le mele sono comunque la parte più importante dello strudel. Non devono mancare uva sultanina, pangrattato tostato nel burro, cannella e zucchero semolato . Lo strudel di mele va mangiato caldo . Si trova spesso con salsa alla vaniglia e panna montata . Ma la versione classica è semplicemente cosparsa di zucchero a velo . Si può anche perfezionare il ripieno con rum, noci o mandorle tritate e scorza di limone grattugiata.

È interessante che il nome “strudel” si sia affermato anche nell’ uso inglese . Raramente i termini tedeschi vengono adottati in inglese, di solito è il contrario.


Suggerimento per i viaggi nel tempo:
Nel Café Residenz del Castello di Schönbrunn si tiene ogni giorno uno spettacolo di strudel di mele . Vedrete come viene preparato l’originale strudel di mele viennese . Si comincia con la pasta sottilissima attraverso la quale si può leggere il giornale. Poi viene riempito, infornato e come ricompensa se ne riceve un pezzo da assaggiare, naturalmente. Se non volete andare fino a Schönbrunn, è possibile degustarlo anche al Café Hofburg o al Café Mozart (ma senza il

Mostra

Per saperne di più: Strudel di mele originale viennese – Café Residenz (cafe-residenz.at)

 

Il Café Bräunerhof si trova proprio accanto a Time Travel in Stallburggasse e offre anche un ottimo strudel di mele. L’ideale è abbinarlo a un Melange viennese, la tipica specialità di caffè (paragonabile a un cappuccino).

 

 

 

Condividi questo post

Altri contributi

Der liebe augustin
Caro Augustin

Caro Augustin

Si dice che il “Caro Augustin” (Marx Augustin, o Markus Augustin) sia realmente esistito (1643-1685 o 1702) a Vienna. Grazie al suo resistente senso dell’umorismo,

Per saperne di più "

Information on data protection
We use technologies such as cookies, LocalStorage, etc. to customize your browsing experience, to personalize content and ads, to provide social media features, and to analyze traffic to our website. We also share information about how our site is used with our social media, advertising and analytics partners. Our partners may combine this information with other data that you have provided to them or that you have collected as part of using the Services (incl. US providers). You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

data protection
This website uses cookies so that we can offer you the best possible user experience. You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

Strictly Necessary Cookies
Strictly Necessary Cookie should be enabled at all times so that we can save your preferences for cookie settings.

Marketing & Statistics
This website uses Google Analytics to collect anonymous information such as the number of visitors to the site and the most popular pages. Leave this cookie enabled helps us to improve our website.

Google Tag Manager
This is a tag management system. Using the Google Tag Manager, tags can be integrated centrally via a user interface. Tags are small pieces of code that represent activitiescan track. Script codes from other tools are integrated via the Google Tag Manager. The Tag Manager makes it possible to control when a specific tag is triggered.