Caro Augustin

Der liebe augustin

Si dice che il “Caro Augustin” (Marx Augustin, o Markus Augustin) sia realmente esistito (1643-1685 o 1702) a Vienna. Grazie al suo resistente senso dell’umorismo, lo zampognaro Augustin fu caro ai viennesi durante il periodo della peste. In genere lo si chiamava solo “caro Augustin” ed è così che lo ricordiamo:

È l’anno 1679 e a Vienna l’inverno sta per finire. Augustin, lo zampognaro, era un uomo modesto e semplice che suonava le sue battute ogni sera in una locanda diversa, principalmente nella “Roter Hahn”, un pub che esiste ancora oggi, o nella “Gelber Adler”, nella birreria“Zum roten Dachl” a Fleischmarkt o altrove. Con il suo buonumore e il sano senso dell’umorismo viennese, crea un’atmosfera allegra ed esuberante per la quale i padroni di casa sono felici di coccolarlo.

L’arrivo della primavera, tuttavia, porta a Vienna tempi bui: la peste scoppia e devasta la città. In breve tempo, migliaia di persone vengono uccise, molte fuggono, altre spendono tutto il loro patrimonio, la disperazione dilaga. All’inizio, Augustin riesce a rallegrare un po’ la gente, almeno per un momento, ma quando tutti devono piangere una o più morti nella propria cerchia, la gente rimane a casa a piangere o per paura del contagio.

Una notte, Augustin barcolla per le strade di Vienna, fortemente ubriaco, cade, rimane a terra e si addormenta subito. Così non si accorge quando i servitori passano con il carro funebre e lo caricano. Scaricarono i morti nella fossa della peste vicino a St. Ulrich, dove oggi sorge l’Augustinbrunnen. Al sorgere dell’alba, Augustin si sveglia dal suo sonno profondo ed è stordito. Non sa dove si trova. Gli sembra strano quando si vede circondato da pareti marroni, ronzanti di sciami di mosche e avvolto da un fetore terribile. Ma ora si rende conto di essere seduto su un mucchio di cadaveri e si rende conto di quello che è successo.

Fuori di sé per l’orrore e la paura, grida disperatamente aiuto, ma nessuno lo sente. Poi prende la cornamusa e inizia a suonare. Canta una canzone dopo l’altra per sopportare la paura. Ma ora i primi frequentatori della chiesa si chiedono che tipo di musica sia questa che non proviene dalla chiesa. Seguendo i suoni, si recano al pozzo della peste e trovano Augustin . Lo aiutano immediatamente a uscire dalla fossa. Si ritiene che sia un miracolo che abbia trascorso la notte con i morti senza prenderla. Augustin vivrà a lungo in perfetta salute.

D’altra parte, si dice che la storia risalga al Medioevo o che sia stata portata da Abraham a Santa Clara dalla sua nativa Sassonia. Ma nessuno lo sa veramente…

 

Ancora oggi, Augustin incarna lo spirito di resistenza della vita in questa città e il fatto che si può sopravvivere anche al peggio della vita con umorismo, vino e musica . Un vero viennese, dopotutto.

“Vivere in allegria e morire in allegria è rovinare i conti del diavolo”.

Suggerimento per i viaggi nel tempo: Nel ristorante “Griechenbeisl” di oggi potete incontrare il caro Augustin. Un pupazzo siede in una fossa vicino all’ingresso, sotto una griglia di osservazione, ed è felice quando gli ospiti gli gettano delle monete.

 

 

 

Condividi questo post

Altri contributi

Pest in wien
Parassiti a Vienna

Parassiti a Vienna

Il termine “peste” era originariamente usato per descrivere qualsiasi malattia di carattere epidemico e letale. È quindi molto difficile, nei primi anni di vita, distinguere

Per saperne di più "

Information on data protection
We use technologies such as cookies, LocalStorage, etc. to customize your browsing experience, to personalize content and ads, to provide social media features, and to analyze traffic to our website. We also share information about how our site is used with our social media, advertising and analytics partners. Our partners may combine this information with other data that you have provided to them or that you have collected as part of using the Services (incl. US providers). You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

data protection
This website uses cookies so that we can offer you the best possible user experience. You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

Strictly Necessary Cookies
Strictly Necessary Cookie should be enabled at all times so that we can save your preferences for cookie settings.

Marketing & Statistics
This website uses Google Analytics to collect anonymous information such as the number of visitors to the site and the most popular pages. Leave this cookie enabled helps us to improve our website.

Google Tag Manager
This is a tag management system. Using the Google Tag Manager, tags can be integrated centrally via a user interface. Tags are small pieces of code that represent activitiescan track. Script codes from other tools are integrated via the Google Tag Manager. The Tag Manager makes it possible to control when a specific tag is triggered.