Site header

Vienna occupata

Scoprite la Vienna degli anni 1945-1955, quando la città fu occupata dalle quattro potenze alleate vincitrici e divisa in quattro zone. Quale potenza vittoriosa prese il controllo di quale distretto di Vienna? Cosa è successo nel centro di Vienna? Chi erano i quattro nella jeep?

Vivere l’importante momento della firma del Trattato di Stato il 15 maggio 1955. Su Timetravel è possibile vedere il balcone del Palazzo del Belvedere, dove il trattato di Stato firmato è stato mostrato alla folla acclamante. Festeggiate con noi questo momento storico e ascoltate le famose parole dell’allora ministro degli Esteri Leopold Figl: „L’Austria è libera!“.

Occupazione a Vienna (1945 - 1955)

Vienna non aveva un aspetto diverso da quello di molte altre città europee dopo la Seconda Guerra Mondiale, ovvero bombardata e affamata. Inizialmente, dopo la liberazione di Vienna, erano presenti solo soldati sovietici ; gli Alleati occidentali (Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna) li seguirono solo nel settembre 1945.

Dopo la Seconda guerra mondiale, l‘Austria fu occupata dalle quattro potenze alleate vincitrici dal 1945 al 1955. Si trattava di truppe sovietiche, americane, britanniche e francesi che divisero l’Austria in quattro zone. Anche Vienna era divisa in quattro settori, oltre a una zona comune interalleata, il 1° distretto.

All’inizio l‘occupazione è stata caratterizzata dal controllo militare. La pattuglia internazionale era composta da un poliziotto militare per ogni potenza occupante e iniziò il suo lavoro nell’agosto 1945. Inizialmente erano presenti tre soldati provenienti da Unione Sovietica, Stati Uniti e Gran Bretagna. Il francese si è unito al gruppo solo nel settembre 1945.

I „Quattro dellaJeep“ controllavano sia il primo distretto che il resto di Vienna. L’americano era sempre al volante (dopotutto era una jeep americana), accanto a lui sedeva il britannico, dietro l’autista il francese e accanto a lui il sovietico. In alcuni casi, la posizione è stata cambiata tranne che per il conducente.

Negli anni ’50, i quattro della jeep furono anche oggetto di un film svizzero.

Il Trattato di Stato

Il Trattato sullo Stato austriaco fu firmato nella Sala dei Marmi del Palazzo Belvedere il 15 maggio 1955 , dopo 10 anni di occupazione (1945-55). Si trattava di ripristinare un’Austria libera, indipendente e democratica. La neutralità era un importante criterio di negoziazione. Leopold Figl e Julius Raab erano i politici coinvolti. Leopold Figl, allora Ministro degli Esteri , fu uno dei firmatari del Trattato di Stato, insieme ai rispettivi Ministri degli Esteri e Alti Commissari delle quattro potenze occupanti. Figl è noto per le sue famose parole: „L’Austria è libera“.

Il documento fu firmato dai rispettivi ministri degli Esteri e alti commissari delle potenze vincitrici: Molotov e Ilyichov per l’Unione Sovietica, Macmillan e Wallinger per la Gran Bretagna, Dulles e Thompson per gli Stati Uniti e Pinay e Lalouette per la Francia. Leopold Figl firmò con inchiostro verde in qualità di ministro degli Esteri dell’epoca.

È interessante che l‘originale del Trattato di Stato sia conservato a Mosca e non a Vienna. Il documento comprende quasi 300 pagine con traduzioni in russo, inglese, francese e tedesco. Si trova negli archivi del Ministero degli Esteri russo a Mosca. Di volta in volta, il documento viene presentato in Austria per le esposizioni.

Besetztes wien
Trattato di Stato austriaco
Besetztes wien
Targa commemorativa nel pavimento della Sala dei Marmi del Palazzo del Belvedere

Festa nazionale austriaca 26 ottobre

Dopo la firma del Trattato di Stato, il 15 maggio 1955, iniziò il periodo concordato di 90 giorni entro il quale le truppe di occupazione dovevano lasciare l’Austria. L’ultimo giorno fu il 25 ottobre 1955, e la leggenda dell’ultimo soldato dell’occupazione russa che lasciò l’Austria in quel giorno persiste ancora oggi. È molto più vero che quest’ultimo ha lasciato il Paese già a settembre.

La festività austriaca si celebra il 26 ottobre dal 1965. In questo giorno del 1955 entrò in vigore la neutralità austriaca. Dal 1967 è uno degli altri giorni festivi ed è libero dal lavoro.

Questo giorno viene tradizionalmente commemorato con un Bundesheerleistungsschau nella Heldenplatz di Vienna. Molte istituzioni pubbliche, così come gli edifici governativi, aprono le loro porte per un open day.

Dopo la morte improvvisa del padre per scarlattina, avvenuta nel 1849 all‘età di soli 45 anni, il figlio fu in grado di rilevare l‘orchestra del padre. Solo nel 1852 a Johann Strauss Sohn fu affidata l’esecuzione di musica alla corte imperiale. Successivamente ha assunto il titolo di k.k.Hofballmusik-Direktor.

L‘operetta „Fledermaus“ e lo „Zingaro Barone“ crearono ulteriore clamore. È stato sommerso di inviti e onori come Re del Valzer. Durante il giorno componeva innumerevoli valzer e operette e la sera suonava fino a notte fonda. È diventato famoso in tutto il mondo per il Valzer del Danubio, considerato l‘inno segreto dell’Austria.

L’enorme carico di lavoro di Strauss si fece sentire: i crolli fisici resero necessaria una serie di soggiorni termali negli anni 1853-55. Si ispirò a Badgastein e poi trascorse alcune stagioni come ospite a Pavlosk, vicino a San Pietroburgo, dove riuscì a conquistare anche la famiglia dello zar russo. Furono le esibizioni a Pavlovsk a permettere al figlio di Strauss di uscire dall‘ombra del padre a Vienna.

Nel 1862 sposò Henriette, detta Jetty, un’ex cantante di sette anni più grande che divenne anche la sua manager. Dopo la morte di lei, nel 1878, sposò l’attrice e cantante Ernestine Dittrich, detta Lili, di 25 anni più giovane . Tuttavia, presto divorziarono a causa di un altro uomo. Si consolò con Adele Strauss, più giovane di 31 anni. Per poterla sposare, si convertì dal cattolicesimo al protestantesimo e lasciò persino lo Stato austriaco per diventare cittadino di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Mozart und strauss

Nel 1862 sposò Henriette, detta Jetty, un’ex cantante di sette anni più grande che divenne anche la sua manager. Dopo la morte di lei, nel 1878, sposò l’attrice e cantante Ernestine Dittrich, detta Lili, di 25 anni più giovane . Tuttavia, presto divorziarono a causa di un altro uomo. Si consolò con Adele Strauss, più giovane di 31 anni. Per poterla sposare, si convertì dal cattolicesimo al protestantesimo e lasciò persino lo Stato austriaco per diventare cittadino di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Nel 1872 intraprese la sua più lunga tournée di concerti, che lo portò oltreoceano al „World Peace Festival“ di Boston e poi a New York . Tuttavia, soffrì presto la nostalgia di casa e fu felice di poter tornare a esibirsi come ospite a Vienna.

Morì di polmonite il 3 giugno 1899 all’età di 74 anni. Si è sposato tre volte e non ha lasciato figli.

Il suo monumento nello Stadtpark è uno dei più fotografati di Vienna e possiamo visitare la sua tomba d’onore al Cimitero Centrale. Inoltre, è possibile visitare la sua antica residenza in Praterstraße, dove compose il famoso Valzer del Danubio. Inoltre, nel 9° distretto si trova un interessante museo sulla dinastia Strauss.

Magische fiakerfahrt
Cavalcata magica di Fiaker
Cavalcare