Il Museo di Vienna sulla Karlsplatz – dal Neolitico ai giorni nostri

Wien museum

Dove si trova il Wien Museum? Cosa si può visitare lì? Quali altri musei sono amministrati dal Wien-Museum? Qual è la missione del museo? Quando è prevista la riapertura dopo la fase di ristrutturazione?

Nell‘aprile del 1959 era giunto il momento: il Museo di Vienna fu inaugurato in Karlsplatz , come primo nuovo edificio museale della Seconda Repubblica. Oswald Haerdtl è stato l‘architetto dell’edificio moderno e ha progettato anche gli interni.

Dove si trovavano in precedenza le collezioni sulla storia di Vienna? Il Museo storico della città di Vienna esisteva nel municipio dal 1887 . I piani erano già in corso dall’inizio del XX secolo. il proprio museo. Otto Wagner aveva già dei piani in mente, ma dovevano intervenire due guerre mondiali .

Il cortile interno è stato coperto nel 2002 . Il museo offre una panoramica completa dello sviluppo urbano di Vienna dal Neolitico al periodo romano fino al XXI secolo. Un focus è dedicato anche all‘opera di Gustav Klimt .

Attualmente è chiuso per lavori di riqualificazione e la riapertura è prevista per l‘autunno del 2023 . Lo spazio espositivo sarà quindi raddoppiato (circa 12.000 m²). È prevista l’aggiunta di una terrazza con un caffè e una splendida vista sulla Karlskirche .

Quali altri musei appartengono al Wien Museum? Per saperne di più: MUSEO DI VIENNA

– Padiglione Otto Wagner Karlsplatz

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Nell‘ex edificio della stazione è possibile conoscere la vita e le opere di Otto Wagner. Qui si può anche vedere quante opere Otto Wagner non riuscì a realizzare a causa del gusto conservatore dell’imperatore Francesco Giuseppe. Esattamente di fronte si trova un padiglione identico, che ospita un caffè e una scala che porta alla Karlsplatz U1/U2/U4. Sotto Karlslatz si trova il più grande snodo stradale di Vienna.

– Il museo degli orologi

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

© CC BY 2.5

 

Il Palais Obizzi, nel centro di Vienna , è la sede del Guarda il Museo. 1917 fondata, la collezione risale al regista Rudolf Kaftan e alla poetessa Marie von Ebner-Eschenbach . Era anche chiamata la Casa dei Diecimila Orologi ed è una specialità in tutta Europa, soprattutto per gli appassionati di orologi.

– Otto Wagner Hopavillon Hietzing

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Chiaramente attribuibile a Otto Wagner è anche il padiglione che serviva all’imperatore come punto di imbarco e sbarco e che si trova lungo la linea U4 tra Schönbrunn e Hietzing. Fu inaugurata nel 1898, ma non fu quasi mai utilizzata dall’imperatore Francesco Giuseppe , anche se Wagner inserì persino elementi neobarocchi nella costruzione per amore dell’imperatore.La stazione ferroviaria della città di Hietzing si trovava in questo sito, ma fu poi demolita. Oggi nel padiglione si tengono mostre.

– Museo di Vienna Hermesvilla

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

L‘imperatore Francesco Giuseppe fece costruire un castello da favola per la sua amata Elisabetta (Sisi) nel bel mezzo del
Lainzer Tiergarten per trattenerli maggiormente a Vienna, cosa che purtroppo non funzionò. L’architetto fu Karl Freiherr von Hasenauer, che costruì l’edificio nel 1882-86. La mostra permanente riferisce che Sisi soggiornava nella Villa Hermes solo per pochi giorni all’anno.

– Museo del Prater

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

© CCO

Il Museo del Prater si trova nel Prater , tra la ruota panoramica e il viale principale, proprio accanto al planetario . Si possono ammirare vecchi oggetti curiosi. L’opera offre una panoramica sulla storia del Wurstelprater, il più grande parco divertimenti di Vienna.

 

È possibile visitare i seguenti appartamenti di musicisti:

– Casa di Mozart Vienna

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Mozart visse nella Domgasse 5 , proprio accanto alla Cattedrale di Santo Stefano, dal 1784 al 1987 . È l‘unico appartamento sopravvissuto dei circa 16 indirizzi residenziali che aveva a Vienna. Purtroppo non è rimasto nulla dell’arredamento originale . Mozart compose „Le nozze di Figaro“ in questa casa, che per questo motivo è chiamata anche Casa di Figaro . Si dice anche che abbia composto il„Flauto magico“ in questo appartamento.

– Appartamento Beethoven Heiligenstadt

Il museo di Vienna in Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Ludwig van Beethoven trascorse l‘estate del 1802 nella Probusgasse 6 di Heiligenstadt , dove si trovavano le terme e i bagni e dove all’epoca si trovavano le sorgenti curative . Beethoven cercò di curare qui il suo incipiente disturbo dell’udito. Il famoso
Qui scrisse il „Testamento di Heiligenstadt“, che non era altro che una lettera disperata ai suoi fratelli, in cui esprimeva la sua preoccupazione per lo stato del suo udito.

– Casa Beethoven Pasqualati

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

© CC BY SA 3.0 it

Johann Baptist Freiherr von Pasqualati era un mecenate di Beethoven e la casa sulla Mölker Bastei apparteneva a lui. Lo affittò a Beethoven dal 1804-1808 e dal 1810-1814. Quest’ultimo amava la vista del Bosco Viennese dal piano più alto. Qui scrisse, tra l’altro, „Für Elise“ e la sua unica opera „Fidelio“ . Poiché l’appartamento vero e proprio è affittato, l’appartamento vicino è semplicemente indicato come monumento a Beethoven.

– Casa Haydn

Il museo di Vienna in Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Joseph Haydn visse in questa casa, nell’attuale Haydngasse 19 a Mariahilf , dal 1793 fino alla sua morte nel 1809 . Qui ha composto la „Creazione“ e le „Stagioni“ . Una sala a parte è dedicata a Johannes Brahms , che era un ardente ammiratore di Haydn .

– Luogo di nascita di Schubert

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Franz Schubert nacque nella Nußdorferstraße 54 (9° distretto) il 31 gennaio 1797 come tredicesimo figlio di quasi 20 figli. Qui ha trascorso i primi quattro anni e mezzo della sua vita . L‘oggetto più importante da visitare sono i famosi occhiali, che Schubert presumibilmente non toglieva nemmeno di notte, perché voleva essere sempre pronto a comporre. Qui sono esposti circa 50 dipinti del famoso poeta Adalbert Stifter, anch’egli pittore.

– Schubert stella bemolle

Nella Kettenbrückengasse 6, vicino al Naschmarkt, dove Schubert morì all’età di 31 anni per sifilide o febbre tifoidea, trascorse solo 2,5 mesi con il padre.
Fratello Ferdinando.
Sono venuto al mondo solo per comporre“.
Si dice che Schubert abbia detto di sé a un amico.

– Appartamento Johann Strauss

Il museo di Vienna in Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri

Nel Praterstrasse 54 viveva nel 2° distretto Johann Strauss figlio (1825-1899) negli anni Sessanta dell’Ottocento e fu in questa casa che compose la il famosissimo Valzer del Danubio. Era considerato il re del valzer viennese, ma era anche un Compositore di operette (Die Fledermaus). Una mostra speciale è la preziosa Violino Amati, che si dice fosse in suo possesso.

Anche i siti di scavo fanno parte del Wien Museum, come gli scavi archeologici di Michaelerplatz.

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri
© CC BY 2.5

Nel 1989-91, sotto la direzione di Hans Hollein , gli scavi sono stati effettuati nella Michaelerplatz, proprio di fronte all’ingresso principale della Hofburg. Sono venuti alla luce i resti del sobborgo romano di Canabae . Questi possono essere visitati in qualsiasi momento e gratuitamente e si trovano nel centro della città.

– Cappella Virgil

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri
© CC BY SA 4.0

Ancora oggi, la Cappella Virgilio presso la stazione U1 della Cattedrale di Santo Stefano , nel centro della città, rimane un mistero. Si dice che sia stata costruita intorno al 1250 e che sia servita come cripta per una ricca famiglia viennese a partire dal XIV secolo . Sopra di essa si trovava la Cappella della Maddalena, ricostruita alla fine del XVIII secolo. bruciato. Di conseguenza, la Cappella Virgilio sotterranea fu riempita e cadde nell’oblio. È stato scoperto nel corso dei lavori di costruzione della metropolitana nel 1973 e può essere visitato oggi, insieme al Museo del Medioevo . Qui potete scoprire quanto era grande Vienna nel Medioevo, chi era il sindaco e cosa succedeva in città.

– Museo Romano

Il museo di Vienna sulla Karlsplatz - dal neolitico ai giorni nostri
© CC BY SA 4.0

Nell‘Hoher Markt, una delle piazze più antiche di Vienna, si trova il Museo Romano sotterraneo. In quest’area si stabilirono gli ufficiali e i tribuni. Ceramiche, lapidi e altri oggetti testimoniano l’ex accampamento romano di Vindobona.

– Affreschi di Neidhart

Se siete interessati alle pitture murali medievali , la sala del Festival di Neidhart a Tuchlauben 19 è il posto giusto. Anf. del XV secolo. la sala da ballo del drappello viennese Michel Menschein ne era arredata. Sono considerati i più antichi dipinti murali secolari sopravvissuti a Vienna. Un ciclo di dipinti raffiguranti scene di vita del menestrello Neidhart von Reuental . Sono stati scoperti nel 1979 nel corso di lavori di ristrutturazione e offrono uno spaccato quotidiano della vita medievale a Vienna.

Suggerimento per il viaggio nel tempo: ogni prima domenica del mese, tutti i musei qui elencati che fanno parte del Museo di Vienna offrono l‘ingresso gratuito!

Condividi questo post

Altri contributi