La seconda guerra mondiale e i suoi effetti su Vienna

Der 2. Weltkrieg und seine Auswirkungen auf Wien

Qual è stata la causa scatenante della Seconda Guerra Mondiale? Quando è iniziato e quando e dove è finito? Come si svolse la guerra? Che impatto ha avuto la Seconda Guerra Mondiale sull’Austria e su Vienna? Quanti danni ha subito la città?

Un tentativo di breve sintesi potrebbe essere il seguente:

Con l’attacco a sorpresa alla Polonia il Il 1° settembre 1939 iniziò la Seconda guerra mondiale. Hitler, come leader del Reich tedesco, voleva conquistare l’Europa orientale. Dopo i successi iniziali, nel 1943/43 la guerra subì una svolta. Gran Bretagna, Stati Uniti e Unione Sovietica formarono una coalizione. La Wehrmacht tedesca fu costretta ad arrendersi nel 1945 e la Seconda Guerra Mondiale finì.

La Seconda Guerra Mondiale terminò ufficialmente l’8 maggio 1945.
L’incursione fulminea di Hitler in Polonia il Il 1° settembre 1939 è considerato il momento di inizio del Seconda guerra mondiale. Come è nato? Per prima cosa dobbiamo tornare indietro di qualche anno, al 1933. Quando Adolf Hitler fu nominato Cancelliere del Reich tedesco nel 1933, aveva già espresso intenzioni di “conquista dell’Est”, a cui molti non volevano credere. La situazione divenne sempre più grave e con la notte del pogrom del 1938 il regime nazista mostrò di cosa era capace.

 

Le dichiarazioni di Hitler su una guerra in Europa e sull’annientamento finale degli ebrei non furono quasi prese sul serio. L’attacco alla Polonia è stato giustificato dalle provocazioni e dalle violazioni dei confini da parte della Polonia. La gente attendeva gli eventi con timore; nessuno voleva vivere un’altra guerra così presto dopo la Prima Guerra Mondiale. Ben presto, però, dopo i primi successi dei nazionalsocialisti, si trasformò in un’euforia bellica.

 

Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania il 3 settembre 1939. Inizialmente, la Wehrmacht tedesca ebbe successo contro la Francia. Hanno attraversato il Belgio, i Paesi Bassi, il Lussemburgo. La Francia dovette capitolare e accettare l’armistizio di Compieta nel giugno 1940. Nell’autunno del 1940, la Wehrmacht tedesca ricevette in

la loro prima sconfitta nella battaglia aerea sull’Inghilterra. Gli inglesi erano superiori in aria.

 

La destinazione successiva era l’Unione Sovietica. Nel giugno 1941, la Wehrmacht tedesca lanciò l'”Operazione Barbarossa”, ovvero l’invasione dell’Unione Sovietica. Dopo i successi iniziali della guerra, iniziò l’assedio di Leningrado e l’attacco a Mosca. La battaglia di Stalingrado del 1942/43 fu il punto di svolta della Seconda guerra mondiale. Come già nella 1.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, le coltivazioni sono fallite a causa delle temperature e delle condizioni del suolo sfavorevoli.

 

Dopo l’invasione giapponese di Pearl Harbour, il 7 dicembre 1941, anche gli Stati Uniti entrarono in guerra e la guerra si trasformò in una guerra del Pacifico. Lo sganciamento delle bombe atomiche su

le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nell’agosto del 1945, era parte di una guerra che non conosceva più confini.

 

Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica formarono una “coalizione anti-Hitler”. L’Italia capitolò agli Alleati nel 1943 e si ritirò come alleato del Reich tedesco. Lo sbarco alleato in Normandia, nel giugno 1944, segnò un altro passo importante nel corso della guerra. L’Impero tedesco era ora sotto pressione da tutti i lati.

Alla Conferenza di Yalta del febbraio 1945, Stalin, Roosevelt e Churchill si incontrarono per discutere di ulteriori passi e del futuro politico della Germania. Hitler non vide via d’uscita e si suicidò nel Führerbunker di Berlino il 30 aprile 1945. L’8 maggio 1945 la Wehrmacht tedesca si arrese senza condizioni.

 

Com’era Vienna in quel periodo?

 

Qui la catastrofe sembrò fare il suo corso già nel marzo del 1938. L’Anschluss ebbe luogo il 12 marzo 1938, quando le truppe tedesche marciarono in Austria e l’Austria fu incorporata nel Reich nazionalsocialista tedesco.

 

Allo scoppio della guerra, nel 1939, a Vienna si verificò il razionamento dei generi alimentari. Sono stati emessi tagliandi di razionamento per cibo e prodotti quotidiani essenziali. Questo fino alla fine della guerra, nel 1945. Le prime deportazioni della popolazione ebraica iniziarono nell’ottobre 1939 e continuarono fino alla fine del 1942.

 

A partire dal 1942, le fabbriche di armamenti vennero trasferite più che altro nell’area di Vienna e Wiener Neustadt, dato che non c’era ancora la guerra aerea. La situazione sarebbe cambiata in seguito. Dall’aprile 1944 al marzo 1945 sono stati lanciati 115 allarmi via radio. La popolazione riconobbe dai richiami del cuculo che era giunto il momento di fuggire nei rifugi antiaerei. Seguirono circa 52 attacchi importanti. Furono costruite torri contraeree che sono tuttora testimoni silenziose di questo periodo buio. Ad esempio, la torre contraerea della Stiftskaserne offriva riparo a circa 15.000 persone.

 

Vienna fu bombardata in modo particolarmente grave il 12 marzo 1945. Nel centro di Vienna si sono verificati numerosi danni, ad esempio all’Opera di Stato, all’Albertina, alla Cattedrale di Santo Stefano, al Burgtheater, al Kunsthistorisches Museum e al Canale del Danubio.

 

La battaglia per Vienna nella zona della città durò dal 6 al 13 aprile 1945. Ai bambini e alle donne è stato chiesto di lasciare la città giorni prima. Le truppe sovietiche conquistano Vienna da ovest. Raggiunsero Gürtel, Ringstraße, Donaukanal – i ponti sul canale furono fatti saltare. Il 13 aprile gli ultimi soldati tedeschi si ritirarono. Il ripristino dell’amministrazione democratica sotto l’occupazione alleata ha avuto luogo. Theodor Körner divenne sindaco di Vienna e formò il governo della città.

 

I raid aerei alleati causarono quasi 9.000 vittime a Vienna e circa il 21% delle case viennesi furono distrutte. Anche le infrastrutture ne hanno risentito, con danni alle tubature del gas e dell’acqua e alle fognature. Anche i mercati di Vienna furono colpiti, ad esempio il Karmelitermarkt e il Floridsdorfer Markt andarono a fuoco.

 

Si trattava di orribili crimini di guerra usati nella Seconda Guerra Mondiale. Oltre un milione di persone sono state fatte morire di fame, i prigionieri di guerra sono stati deportati nei campi di lavoro. In Polonia furono costruiti molti campi di sterminio. L’Olocausto è stato il peggior crimine del XX secolo. Sono state effettuate sparatorie di massa ed esperimenti medici. Il numero delle vittime della Seconda guerra mondiale oscilla tra i 55 e i 65 milioni di persone.

 

Suggerimento per il viaggio nel tempo: in quale punto di Vienna si possono trovare tracce della Vedi la Seconda Guerra Mondiale? Nel Time Travel stesso, si può rivivere una simulazione di raid aereo in un bunker. Le torri contraeree presenti nel paesaggio urbano sono anche un ricordo della La seconda guerra mondiale, ad esempio nell’Augarten, nella Casa del Mare o nel Parco di Ahrenberg, nella zona del centro storico. 3° distretto. Anche la Casa della Storia e il Museo di Storia Militare sono in buone mani da questo punto di vista.

Per saperne di più:

hdgö – Haus der Geschichte Österreich (hdgoe.at) Home – Museo di storia militare (hgm.at)

 

Condividi questo post

Altri contributi

Information on data protection
We use technologies such as cookies, LocalStorage, etc. to customize your browsing experience, to personalize content and ads, to provide social media features, and to analyze traffic to our website. We also share information about how our site is used with our social media, advertising and analytics partners. Our partners may combine this information with other data that you have provided to them or that you have collected as part of using the Services (incl. US providers). You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

data protection
This website uses cookies so that we can offer you the best possible user experience. You can find more information about the use of your data in our data protection declaration.

Strictly Necessary Cookies
Strictly Necessary Cookie should be enabled at all times so that we can save your preferences for cookie settings.

Marketing & Statistics
This website uses Google Analytics to collect anonymous information such as the number of visitors to the site and the most popular pages. Leave this cookie enabled helps us to improve our website.

Google Tag Manager
This is a tag management system. Using the Google Tag Manager, tags can be integrated centrally via a user interface. Tags are small pieces of code that represent activitiescan track. Script codes from other tools are integrated via the Google Tag Manager. The Tag Manager makes it possible to control when a specific tag is triggered.